Imparare a studiare usando le proprie abilità

 

Chi va bene a scuola?

Il più intelligente? Il più studioso? Il più furbo?
NO
Il più organizzato!!!!

Ognuno di noi ha un suo prticolare modo di apprendere basato sulle sue caratteristiche che devono essere non solo rispettate,ma coltivate e sviluppate.

Il Colloquio iniziale

Il percorso inizia con un incontro individuale per individuare i punti di forza ed i punti di debolezza dello studente. Sapere quali sono i suoi svaghi e i suoi desideri. Il desiderio è la molla che fa arrivare al successo.
Punto fondamentale di riflessione è considerare il ragazzo come unico esperto di sè stesso: egli è consapevole di ciò che lo stimola e lo deprime: quindi sarà lui e solo lui che indicherà i suoi strumenti migliori per un apprendimento efficace e veloce
Altro step importante è un incontro con la famiglia per conoscere bene la vita dello studente

 

Il percorso

Dieci incontri con cadenza settimanale Ogni incontro utilizza schede e questionari, simulazioni e sondaggio di utilità della lezione.
In base ai progressi registrati a scuola il percorso può essere integrato da incontri su materie specifiche.

Perché i nostri ragazzi non ottengono risultati a scuola?

Perché la Scuola non fornisce strumenti per "imparare a studiare"
I problemi arrivano in genere verso la fine del primo quadrimestre di studi, quando si registrano gravi insufficienze, lo studente si demotiva,comincia ad avere poca capacità di concentrazione e non resiste sui libri più di un quarto d'ora.
I genitori corrono al riparo mandandolo a ripetizione: appunto "ripetizione" significa ripetere quello che gli insegnanti hanno già detto in classe….
Ma se questo sistema non ha funzionato la prima volta,
perché dovrebbe funzionare dopo?

Infatti tranne alcune eccezioni il problema non si risolve o si risolve parzialmente: il ragazzo raggiunge
la promozione per ritrovarsi poi l'anno successivo nelle stesse condizioni
Ma allora cosa non va?

Il percorso è stato messo a punto per guidare gli studenti a liberarsi dagli approcci negativi e improduttivi verso lo studio, a programmare efficacemente il proprio tempo di studio e di svago, definendo in particolare quando e quanto studiare, ma soprattutto come!

Si ottengono risultati più veloci se si partecipa ad un gruppo di tre o quattro studenti. Non devono essere necessariamente della stessa classe o addirittura della stessa scuola. L'importante che la fascia d'età sia la stessa.

Vorrei ribadire che non si impartiscono lezioni private perchè si ritiene inutile rispiegare ciò che è gia stato spiegato in classe. L'obiettivo del percorso è quello di insegnare allo studente come utilizzare bene il tempo passato a scuola: glii interventi mirano a migliorare l'ascolto in classe e trarne massimo profitto.

 

 

Confrontarsi è la chiave del successo

Per colpire questo obiettivo genitori e studenti sono invitati a partecipare gratuitamente ad un seminario di chiarimento sul metodo iscrivendosi per tempo attraverso il modulo di contatto